image_pdfimage_print

Voli giornalieri da Londra dall’8 al 30 Giugno

Cathay Pacific torna a collegare in modo regolare l’Europa con il suo hub di Hong Kong: dopo oltre due anni di restrizioni, il summer schedule 2022 della Compagnia vede una ripresa graduale dei collegamenti con Parigi, Amsterdam, Francoforte e Manchester e un aumento delle frequenze sull’asse Londra-Hong Kong, dove dal 5 giugno effettuerà un servizio giornaliero.

Lo scorso 1°maggio il Governo di Hong Kong ha annunciato un’ulteriore distensione delle regole di ingresso in città, aprendo a tutti i visitatori internazionali non residenti che abbiano completato il ciclo vaccinale. Per entrare ad Hong Kong ora è sufficiente un test PCR negativo effettuato nelle 48 ore precedenti la partenza, successivamente ripetuto all’arrivo in aeroporto, e osservare un periodo ridotto a 7 giorni di quarantena in hotel.  

A fronte di questo ulteriore allentamento del meccanismo di sospensione dei voli, nei prossimi mesi Cathay Pacific opererà una serie di collegamenti aggiuntivi per consentire ai passeggeri europei di arrivare a destinazione proprio nel momento in cui hanno necessità di farlo, scegliendo tra le diverse partenze offerte da alcuni aeroporti principali.

La programmazione di giugno prevede sei voli da Parigi Charles de Gaulle (il 7, 17, 20, 23, 27 e 29) e quattro voli da Amsterdam (9, 15, 22 e 30 e Francoforte (5, 16, 21 e 28), scali facilmente raggiungibili anche da tutti gli aeroporti italiani. La continuità dei collegamenti è già confermata anche per i mesi di luglio, agosto e settembre con una media di due frequenze settimanali da Parigi (martedì e giovedì) e Francoforte (giovedì e sabato), e una (lunedì) da Amsterdam.

A partire dal 5 giugno il Londra Heathrow-Hong Kong verrà operato con frequenza giornaliera e la rotta Manchester-Hong Kong verrà coperta con una media di cinque voli settimanali, potenziando ulteriormente il ventaglio di opzioni a disposizione dei passeggeri in partenza dall’Italia e dal resto d’Europa.

Si prevede che a beneficiare della nuova regolamentazione e del conseguente potenziamento dell’operativo di Cathay Pacific saranno inizialmente i cittadini di Hong Kong che potranno riabbracciare i propri familiari e le numerose aziende italiane ed europee che hanno rapporti e interessi economici in Oriente, costrette da inizio 2020 a rinunciare ai viaggi per affari.

Più gradualmente è attesa la ripresa del traffico leisure, grazie al potenziamento di alcune rotte per il Sud-Est Asiatico e l’Asia Pacifico con buone coincidenze con i voli in arrivo dall’Europa. In caso di transito ad Hong Kong ai passeggeri è richiesto un PCR test con risultato negativo effettuato nelle 48 ore precedenti la partenza, indipendentemente dalle regole in vigore nella destinazione finale. 

Per agevolare ulteriormente i passeggeri in partenza dall’Italia e dal resto d’Europa Cathay Pacific mette a disposizione alcuni strumenti digitali. Oltre ad una checklist consultabile online, che dettaglia i requisiti necessari per l’ingresso ad Hong Kong, la Compagnia ha messo a punto anche FlyReady, uno spazio dove caricare in formato digitale tutte le certificazioni sanitarie e gli altri documenti richiesti per entrare ad Hong Kong. Accedendo alla piattaforma tra le 48 e le 12 ore che precedono la partenza, i passeggeri possono depositare il risultato del test PCR e tutti gli altri file ricevendo un riscontro rapido in merito alla correttezza e completezza della documentazione presentata: uno strumento intuitivo che facilita i preparativi pre-partenza, velocizza le procedure di check-in in aeroporto e soprattutto mette al riparo da inconvenienti e sorprese dell’ultimo minuto.

E’ stata infine prolungata al 31 dicembre 2022 la validità di Vola senza pensieri, la revoca delle penali sui cambi di prenotazione e itinerario che consentirà fino a questa data di modificare le date del viaggio e la destinazione finale senza costi aggiuntivi, per volare entro il 31 dicembre 2023.

Hong Kong – Hub di Innovazione Tecnologica offre opportunità alle aziende italiane per progetti di Industria 4.0

Con la sua vicinanza alla Cina continentale e il forte sostegno del governo, Hong Kong è ben posizionata per diventare un hub internazionale dell’innovazione tecnologica. Una delle iniziative chiave messe in atto dal governo di Hong Kong è il programma di re-industrializzazione finalizzato a sostenere lo sviluppo di industrie manifatturiere avanzate, basate su nuove tecnologie e produzione intelligente. Si tratta di una strategia importante volta a promuovere la diversificazione dell’economia di Hong Kong, avvalendosi dei ben noti punti di forza di città cosmopolita, piazza finanziaria, hub commerciale e logistico, accesso privilegiato al mercato cinese e fonte inesauribile di progetti tecnologici.


L’attuale governo ha investito oltre 130 miliardi di dollari di HK per lo sviluppo dell’Innovazione Tecnologica. Il sostegno del governo copre le infrastrutture, il capitale, il talento e lo sviluppo tecnologico ed è destinato alle aziende che operano a Hong Kong, senza alcuna discriminazione nei confronti di aziende a capitale interamente straniero.


Il webinar ha lo scopo di illustrare i servizi, le infrastrutture, il supporto tecnologico, le opportunità commerciali e i contributi economici di cui possono usufruire le aziende italiane interessate ad espandersi in Asia, avvalendosi del pacchetto di incentivi offerti dalla Regione Autonoma cinese di Hong Kong.


PROGRAMMA
10:00 Introduzione
Moderatore: Stefano De Paoli, Senior Representative (Italy), Invest Hong Kong

10:05 Business Opportunities for Advanced Manufacturing in Hong Kong
Benjamin Wong, Head of Transport, Infrastructure and Advanced Manufacturing, Invest Hong Kong

10:15 Advanced Manufacturing Facilities in Hong Kong
Sheron Sit, Senior Manager, Advanced Manufacturing, Hong Kong Science and Technology Parks Corp.

10:30 Make Smart Smarter: the OWL
Aaron Lyu, Senior Consultant, Robotics and Artificial Intelligence Division, Hong Kong Productivity Council

10:45 Domande e Risposte in inglese per i partecipanti di Hong Kong

10:55 Fine della Prima Parte in Lingua Inglese e Inizio del Dibattito in Italiano

10:55 Condivisione dell’Esperienza di un Imprenditore Italiano a Hong Kong
Roberto Leone, Managing Director, NiRoTech Ltd.

11:05 Finanza Agevolata, Partecipazione al Capitale e altri Strumenti a Sostegno dell’Internazionalizzazione delle Aziende Italiane
Carlo De Simone, Servizio Institutional Relations & Indirect Channels Responsabile Indirect Channels

11:15 Dibattitto con la partecipazione di Roberto Leone, Carlo De Simone, Caterina Bernardini de Pace, General Manager, Italian Chamber of Commerce in Hong Kong & Macao e Stefano Soliano, Vice Presidente di InnovUp e CEO di C.NEXT Spa

Partecipazione gratuita, previa registrazione cliccando qui

Hong Kong, budget 2022-2023

Il segretario alle finanze, Paul Chan, ha presentato, nel suo Bilancio 2022-23 per Hong Kong, misure ad ampio raggio per rilanciare l’economia di Hong Kong. Il bilancio di quest’anno, che introduce misure anticicliche per un costo totale di oltre 170 miliardi di HKD (oltre 19 miliardi di euro), continuerà ad adottare una politica fiscale espansiva.


L’economia complessiva di Hong Kong ha visto una ripresa visibile nel 2021 con una crescita del 6,4%, mentre il tasso di disoccupazione destagionalizzato è sceso sostanzialmente da un massimo del 7,2% all’inizio dello scorso anno al 3,9% nell’ultimo periodo. Si prevede che le entrate fiscali ammonteranno a 940 miliardi di HKD (circa 107,5 miliardi di €) entro la fine dell’attuale mandato del governo nel giugno 2022.


Chan prevede una crescita economica del 2-3,5% in termini reali nel 2022 e una crescita media annua del 3% dal 2023 al 2026, mentre il tasso di inflazione sottostante dovrebbe attestarsi in media al 2%.
Per il pacchetto completo delle iniziative di Budget si rimanda al sito web Budget 2022-23 (2022-23 Budget website) o al Budget Speech (Budget Speech), mentre, sul fronte degli investimenti, le linee guida che hanno orientato il Governo sono volte a:

  1. Sfruttare meglio le opportunità derivanti dal consolidamento di Hong Kong quale hub internazionale di Innovazione & Tecnologia
  2. Rafforzare gli impegni di Hong Kong per raggiungere la neutralità carbonica prima del 2050 nell’ambito del piano d’azione per il clima di “Hong Kong 2050”
  3. Generare un maggiore impatto nella GBA degli investimenti veicolati tramite Hong Kong
  4. Migliorare le condizioni e gli incentivi per attrarre nuovi talenti e sostenere le iniziative che facilitano lo scambio tecnologico fra Hong Kong ed il resto del mondo

Di seguito le principali iniziative illustrate nella nuova legge di bilancio:

Supporto alle imprese

  • Aumentare il finanziamento assegnato all’Hong Kong Growth Portfolio nell’ambito del Future Fund per creare un fondo di investimento GBA da 5 miliardi di HKD (circa 570 milioni di €) per concentrarsi sulle opportunità di investimento nella Greater Bay Area di Guangdong-Hong Kong-Macao (“GBA” );
  • Accelerare i preparativi per consentire alle azioni negoziate tramite il Southbound Trading of Stock Connect di essere denominate in RMB;
  • Proporre agevolazioni fiscali per gli enti di gestione degli investimenti familiari ammissibili gestiti da single-family office;
  • Piano per emettere non meno di 15 miliardi di HKD (circa 1,7 miliardi di €) di obbligazioni al dettaglio indicizzate all’inflazione (iBond), non meno di 35 miliardi di HKD (circa 4 miliardi di €) di Silver Bond e non meno di 10 miliardi di HKD (circa 1,15 miliardi di €) di green bond al dettaglio nel prossimo esercizio;
  • Continuare ad emettere green bond per un totale di circa USD 4,5 miliardi o equivalente;
  • Implementare un programma pilota sulla cartolarizzazione del finanziamento delle infrastrutture ed offrire prodotti ad hoc per un valore totale di 450 milioni di dollari USA;
  • Aumentare i finanziamenti assegnati all’Hong Kong Growth Portfolio nell’ambito del Future Fund per creare uno Strategic Tech Fund da 5 miliardi di HKD (circa 572 milioni di €) per investire in imprese e progetti tecnologici di valore strategico per Hong Kong;
  • Destinare 10 miliardi di HKD (circa 1,15 miliardi di €) per promuovere ulteriormente lo sviluppo delle tecnologie nel campo delle scienze della vita e della salute;
  • Stanziare 1,26 miliardi di HKD (circa 144 milioni di €) per sostenere e sviluppare l’industria del turismo, anche per fornire incentivi per la creazione ed il lancio di prodotti turistici, sponsorizzare la formazione dei professionisti e sostenere il lavoro dell’Hong Kong Tourism Board per rilanciare il settore del turismo;
  • Esplorare proposte concrete per promuovere lo sviluppo di “Smart Port” e proporre una riduzione della metà dell’imposta per attirare più imprese marittime per stabilire una presenza a Hong Kong;
  • Assegnare 40 milioni di HKD (circa 4,5 milioni di €) per facilitare l’applicazione e lo sviluppo della tecnologia legata al mondo dell’Arte;
  • Proibire ai proprietari di terminare la locazione o non fornire servizi agli inquilini di settori specifici per non aver saldato gli affitti nei tempi previsti o aver intrapreso azioni legali pertinenti contro di loro. Il provvedimento s’intende valido per tre mesi, prorogabile per altri tre mesi se necessario, con decadenza automatica della normativa dopo sei mesi. Le banche eserciteranno flessibilità se la capacità di rimborso di un locatore è compromessa a causa della riduzione del suo reddito da locazione

Sostegno all’edilizia

  • Stanziare 100 miliardi di HKD (circa 11,4 miliardi di €) per costituire un fondo dedicato per accelerare l’attuazione delle opere infrastrutturali relative al territorio, all’edilizia abitativa e ai trasporti all’interno dell’area settentrionale della metropoli;
  • Lanciare il Pilot Green and Sustainable Finance Capacity Building Support Scheme e il Pilot Scheme on Training Subsidy for FinTech Practitioners per la formazione di professionisti;
  • Stanziare HKD10 miliardi (circa 1,15 miliardi di €) per il completamento dei lavori di potenziamento e aumento delle strutture didattiche sanitarie delle università;
    Agevolazioni e contributi alle persone fisiche
  • Emettere voucher per l’acquisto di beni elettronici dell’importo di HKD10.000 (circa € 1144) a ciascun residente permanente a Hong Kong anche nuovo arrivato di età pari o superiore a 18 anni;
  • Ridurre del 100% l’imposta sugli stipendi ed i redditi delle persone fisiche per l’anno di accertamento 2021/22, entro un limite di HKD10.000 (circa € 1144);
  • Prolungare il periodo di applicazione del regime di garanzia del prestito personale al 100% per privati fino alla fine di aprile 2023;

Bonus fiscali alle imprese

  • Prolungare il periodo di applicazione dello Special 100% Loan Guarantee for Enterprises fino a fine giugno 2023; e
  • Azzerare l’imposta sugli utili per l’anno di valutazione 2021/22 relativa ai primi 10.000 HKD (circa € 1144).